Need Help? Chat with us

L’alcolismo è una sindrome patologica costituita dalla dipendenza al consumo di alcol

È caratterizzato da un consumo compulsivo di alcol, a scapito delle relazioni sociali del bevitore, della sua posizione sociale e della sua salute. Come per le dipendenze da droghe, l’alcolismo è considerato una malattia curabile. Il termine alcolismo è ampiamente usato ed è stato coniato nel 1849 da Magnus Huss, ma in medicina il termine è stato sostituito dal concetto di “abuso di alcol” e “dipendenza da alcol” come specificato nel DSM III del 1980. Allo stesso modo, nel 1979, un comitato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha consigliato l’abbandono dell’uso del termine “alcolismo” come entità diagnostica, preferendo la categoria di “sindrome da dipendenza da alcool”.

I meccanismi biologici alla base dell’alcolismo sono incerti, tuttavia, fattori di rischio includono l’ambiente sociale, lo stress, la salute mentale, la predisposizione genetica, l’età, l’etnia e il sesso. L’abuso a lungo termine di alcool produce cambiamenti fisiologici nel cervello, come la tolleranza e la dipendenza fisica. Tali cambiamenti, relativi alla chimica del cervello, portano l’alcolista all’incapacità compulsiva di smettere di bere. I danni dall’abuso di alcol colpiscono quasi ogni organo del corpo, compreso il cervello, causando una serie di disturbi fisici e psichici.

L’alcolismo è la presenza costante della tolleranza, dell’astinenza e dell’uso eccessivo di alcol. L’incapacità del bevitore di controllarne l’assunzione, nonostante la consapevolezza del danno alla propria salute, indica che la persona potrebbe essere un alcolizzato. La diagnosi è realizzabile grazie a dei questionari e la disintossicazione avviene per mezzo di terapie di gruppo e con l’utilizzo di farmaci come le benzodiazepine, utilizzate per la cura dei sintomi dell’astinenza. Spesso gli alcolisti risultano dipendenti anche da altre sostanze, per la maggior parte da benzodiazepine; ciò può richiedere ulteriori cure mediche. Rispetto agli uomini, le donne sono più sensibili all’alcol e più inclini a subire i deleteri effetti fisici, cerebrali e psicologici. Le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità parlano di 140 milioni di alcolisti in tutto il mondo.